Un orto con le radici nel cielo

Un po’ di spazio, doveroso, per un progetto amico – Le Radici nel Cielo – che ha tanti punti di contatto con il percorso del mio libro. E un po’ di spazio anche per una serata di quelle piacevoli e insolite, tra amici per lo più conosciuti per la prima volta ma come se ci conoscessimo da chissà quanto tempo. E in un luogo intimo e particolare, con la sua storia, un orto, davanti al quale spesso mi capita di passare in bicicletta, perché la stradina di campagna che lo costeggia, insieme ad un vallato in cui scorre l’acqua, è inclusa in una bella pista ciclabile che esce dalla città verso la campagna. Ma mai mi ero fermato o vi ero entrato.

2 1L’orto è dell’amico Andrea Silicati, che oltre alla terra si dedica con la stessa passione al disegno e lo scorso anno ad agosto mi aveva fatto compagnia in un reading di anteprima del mio libro, che ancora doveva uscire.  Tutto torna, dunque, come vedete. In quell’occasione, allora, mentre io leggevo un brano tratto dal racconto dedicato a Rocco Scotellaro e Giuseppe Novello, sulla parete della casa di campagna dove eravamo scorrevano le immagini del disegno che Andrea stava realizzando in diretta, il volto di Rocco Scotellaro che si fondeva con la linea dei monti lucani e di Montescaglioso e altre immagini di quelle vicende.
Eravamo all’agriturismo La Distesa, una bella serata sull’aia, con la luna piena, dedicata agli amici Bikepartisans Nica e Daniele di “2 ruote di resistenza”, che erano venuti apposta dalla Val di Susa per raccontare, con letture foto e musiche, il loro viaggio in bicicletta da Bussoleno a Diamante, in Calabria. Altro che tranquilla ciclabile, più di mille chilometri di pedale. Un viaggio alla ricerca del popolo che manca, ispirandosi ai lavori di Nuto Revelli e raccogliendo lungo il percorso un’infinità di storie. Un viaggio che non precede il racconto che diventa dopo ma è esso stesso racconto mentre si svolge, come un cantastorie che gira.

E anche il progetto di cui parlo ora, LE RADICI NEL CIELO, giunto nella sua fase finale, è un viaggio per l’Italia alla ricerca di storie da raccontare. Quella che Andrea Pierdicca, la voce, e Enzo Monteverde, la musica, ci hanno recitato e suonato ieri sera, tutti raccolti nella cornice di alberi e vegetazione del nostro angolo di orto e di intimità, è stato un anteprima di una parte del loro più ampio lavoro, una prova per mettere ancora meglio a punto ogni singola tonalità e dettaglio del racconto, ci hanno detto, ma a me sembra ma che già così è una narrazione di quelle ampie, in cui ogni dettaglio la fa da padrone, e insieme sono capaci di raccoglierci tutti dentro ai nostri orizzonti, e renderceli mobili quegli orizzonti, come finestre da cui  spaziare nel tempo e nello spazio, nei significati che attribuiamo alle cose che facciamo. Una narrazione dedicata alla terra, alla ruralità, alle nostre vite e alle storie. E anche per loro il viaggio è già esso stesso racconto che diviene, e la stessa anteprima di ieri sera all’orto di Andrea, un orto che a questo punto ha le sue radici nel cielo, fa già parte di questo viaggio.

Non vi anticipo nulla, vi invito soltanto a visitare i loro siti, compresa la pagina che promuove il crowdfunding aperto in questi giorni, per invitare chi vuole a rendersi partecipe di questa fase finale del progetto.
Noi, ieri sera, terminata la lettura recitata e musicata, abbiamo chiuso naturalmente in modo conviviale, bevendo e assaggiando i prodotti che ciascuno ha coltivato e condiviso. Io, già che c’ero, ho fatto la mia parte con delle frise al pomodoro salentine, e i pomodori venivano davvero dal Salento, i pomodori da penda donatimi dagli amici di Karadrà, quando a luglio sono stato a trovarli con il mio libro sulle terre che coltivano, senza dimenticare che il cibo serve al corpo, come l’arte all’anima. Tutto torna, come vedete. Buone radici a tutti.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...