L’erba dagli zoccoli nel Sangro

1Torino di Sangro, 24 settembre 2016, seminario nazionale Arci su Ambiente, clima e agricoltura sociale. L’Arci è l’associazione con la quale attualmente condivido i miei impegni sociali e culturali, e quindi qui mi sento a casa, come una serata in famiglia, e inoltre in una occasione particolare e adatta a prestare la giusta attenzione ai racconti di una lotta contadina che ho raccolto nel libro, per condividi con amici arrivati lì da ogni parte d’Italia, da Palermo a Bolzano, per partecipare al seminario nazionale dell’Arci su Ambiente, clima e agricoltura sociale, che era già iniziato venerdì pomeriggio e poi proseguiva anche la domenica mattina. Già nelle altre occasioni che ho avuto quest’anno di portare le storie del libro, mi ero accorto che le lotte dei contadini di ieri rivivono attuali proprio quando diventano un pretesto per parlare anche dell’oggi, in quanto il nostro presente è interno alla nostra storia.

2Di solito partecipo direttamente io stesso per intero ai lavori del seminario, questa volta ho fatto l’artista, avevo anche altri impegni nel week end e mi sono trattenuto solo per una parte al seminario stesso, quel tanto che basta per valutarne l’importanza degli argomenti e le tante realtà concrete che ci sono dietro ad un seminario nel quale le parole che si usano non nascono da un vezzo salottiero ma vengono direttamente dalle tante realtà concrete e attività  reali che ci sono dietro, attive con continuità nel corso dell’anno. E per questo è ancora più piacevole condividerle quando ci si ritrova insieme. In alcune di queste esperienze collegate ho anche avuto l’occasione passarci direttamente, proprio con il libro, come la bella serata dello scorso luglio nelle terre di Karadrà in Salento, oppure ho avuto in passato altre occasioni per passarci, come a Zona 22 a San Vito, qui vicino, in una domenica di fiera di qualche anno fa, quando erano ancora agli inizi.

3Gli spunti che prima di iniziare con la lettura dal libro avevo ascoltato nella breve parte di seminario che  ho seguito, li ho ritrovati nella discussione dopo le letture e musica; tra i diversi i temi che abbiamo toccato mi pare ne sia emerso uno molto stuzzicante, sulla continuità della memoria, quella memoria sommersa che come un movimento carsico comunque riaffiora, in forme magari inaspettate eppure permea i nostri sguardi e le esperienze sociali attorno a noi, come se la percezione che  allora tanti contadini, e non solo i contadini, hanno avuto nei momenti più alti e talvolta anche disperati degli scontri, abbiano prodotto dentro una metamorfosi della coscienza, del sentire, e allora quel modo di guardare nuovo continua a esistere, e probabilmente ci ha già toccati, e dunque sarebbe interessante prenderne anche una maggiore consapevolezza. Ma non mi addentro oltre, per ora in questo ragionamento.

Come oramai in altre occasioni, la mia lettura è stata accompagnata dalle musiche di Silvano Staffolani; orami sta iniziando a diventare una formula, che ogni volta aggiustiamo vi aggiungiamo qualcosa; questa volta abbiamo presentato una nuova canzone, dedicata a Maria Margotti, nata proprio da questa collaborazione che si sta sviluppando; nel video della serata potete ascoltatene un frammento. I brani letti sono stati quattro e li ho scelti estraendoli dai racconti innanzitutto di Lentella, trovandoci qui a pochi chilometri dal paese, e poi nell’ordine dal racconto dedicato a Maria Margotti, quindi alla vicenda di Melissa e  poi alle occupazioni d’Arneo. Ha chiuso Silvano con una citazione musicale sakespiriana, anche questa nel video a cui potete accedere da QUI.

(I prossimi appuntamenti: 30 settembre ore 21.30 Libreria Passepartout di Recanati; sabato 1 ottobre Erto veglia notturna alla diga del Vajont; venerdì 7 ottobre ore 21 Bologna, Vag 61, via Paolo Fabbri).

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...